Sono nato italiano, ma mi viene da chiedermi, a volte, se morirò tale

Edmund Husserl si chiedeva: “Dobbiamo accettare il tramonto dell’Occidente come se si trattasse di una fatalità, di un destino che ci sovrasta?”.
La stessa domanda va posta per la fine dell’Italia. Perché dovremmo rassegnarci a questa sorte?
Sembra che il congedo di questa nazione sia così ineluttabile che un intellettuale come Ernesto Galli della Loggia ha aperto il suo ultimo libro con questa drammatica domanda: «Sono nato italiano, ma mi viene da chiedermi, a volte, se morirò tale…»

(Antonio Socci – da “Traditi, sottomessi, invasi”)

Un commento su “Sono nato italiano, ma mi viene da chiedermi, a volte, se morirò tale

  1. Pingback: Sono nato italiano, ma mi viene da chiedermi, a volte, se morirò tale – ilgattorandagio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...