Il giornale di #Confindustria pro Visco e Gentiloni

Una stoccata a Mr. Renzi? La “linguainbocca” che #IlSole24Ore fa al Governatore della Bankitalia è quasi imbarazzante. Come stucchevole risulta la difesa di Gentiloni e del Presidente della Repubblica. Per non parlare del plauso alla (finta) commissione parlamentare d’inchiesta sulle banche. E’ un articolo politicamente schierato; in fondo siamo già in campagna elettorale. Non a caso si attribuisce al ministro Padoan la capacità di fare emergere “anche vari casi bancari d’incompetenza e fraudolenti”.

Nell’articolo non troverete mai riferimenti alle collusioni della finanza con la politica, soprattutto locale per il tramite delle fondazioni. Non troverete riferimenti ai miliardi euro spesi da ex Top Mamanger (politicamente vicini alla sinistra) sperperati in giro per l’Europa …continua qui

Immagine: Source Giphy

Le mazzette di Banca Marche sotto gli occhi di Via Nazionale

Quando si dice “L’etica in Banca”…

Dai funzionari di filiale fino ai massimi vertici aziendali, per anni in Banca Marche dare credito alle imprese significava che qualcuno si sarebbe messo in tasca qualcosa. Bankitalia vigila, protesta, segnala, ma nulla accade per anni. Però quando è troppo è troppo. Nel 2012 i suoi ispettori beccano due assegni intestati a Banca Marche da 160 mila e 99 mila euro cambiati in 52 assegni da 5 mila euro e versati su un conto dell’allora dg Massimo Bianconi, via Nazionale si arrabbia e intima all’istituto marchigiano di cacciare il manager. La lettera, firmata dal vice direttore generale Luigi Federico Signorini, è di straordinaria durezza per i toni felpati dell’istituto…. continua qui

Bankitalia. Due articoli che ci fanno capire in quale Paese viviamo…

Pd, un caos mai visto prima nel segno della rozzezza

Il Tirreno

Qualcuno insinua: in tal modo Renzi tenta di screditare il governatore Visco sulla questione bancaria e allontana da sé e dal suo cerchio non più tanto …

Lo strano silenzio dei banchieri sul blitz contro il governatore

il Giornale

Provate a farci caso, dall’Abi in giù, tutto il mondo bancario ha taciuto: nessun commento, nessuna dichiarazione. Se solo dieci giorni fa il mondo del …

 

(Immagine: Dagospia)

Il caso Bankitalia ed i peracottari che abbiamo in Parlamento

(…) “Bisogna distinguere tra gli avvenimenti di questi ultimi giorni dal tema generale del rapporto banche-politica o se vogliamo banche-sinistra. Quello che è accaduto in questi giorni si può riassumere così: il Parlamento ha discusso e approvato una mozione, molto probabilmente inammissibile, su una questione rispetto alla quale lo stesso Parlamento con una legge del 2005 aveva stabilito che il Parlamento non c’entra nulla e che della Banca d’Italia si occupano governo e Quirinale. Ma come se non bastasse il Parlamento ha espresso un giudizio su un tema che ha demandato ad una commissione d’inchiesta istituita solo qualche giorno prima. È difficile trovare un altro caso di incultura istituzionale di queste dimensioni” (…)

Nicola Rossi: “La sinistra sulle banche non si distingue dalla destra”

immagine: destra di popolo

Articolo sullo “strano bisogno” di investire milioni di Euro in BPVi e Veneto Banca da parte di alcune BCC cuneesi

Alcuni dubbi sull’operato di Bankitalia in merito alla gestione di alcune BBC commissariate “in via precauzionale” che hanno poi finito col versare decine di milioni alle asfittiche banche venete (BPVi e Veneto Banca).

Depositi consistenti nella BPVi di Gianni Zonin di altre Bcc cuneesi dopo Bene Banca commissariata da Bankitalia: al riguardo giace in parlamento un’interrogazione di M5S

immagine:Valsesia Seven – blogger

No alla riconferma del Governatore di Bankitalia Ignazio Visco

Bankitalia è certamente corresponsabile del dissesto in cui versano le banche nostrane, ma non è la sola e forse quella che ha colpe minori. Sicuramente è conseguenza di mancanza di controlli o di una certa faciloneria nell’eseguirli, ma paghiamo anche anni d’inerzia e d’ipocrisia,  di complicità politiche e storture istituzionali, di latitanza dei sindacati e di vincoli giuridici assurdi. E’ un Paese da riformare….

Chiediamo che il Governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco, la cui carica scade il 1 novembre 2017, non venga rinnovato nell’incarico dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e dal Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni Silveri, per l’incapacità di prevenire crac e dissesti bancari, che hanno bruciato 110 miliardi di euro nelle ultime 7 bancarotte di Banca Etruria, Banca Marche, CariChieti, CariFerrara, Banca Popolare di Vicenza, Veneto Banca, MPS, gettando sul lastrico 350.000 famiglie espropriate da Bankitalia e dallo Stato (bail-in), alle quali sono state sottratte risparmi costati sudore, sacrifici e rinunce di intere generazioni…. continua qui

Immagine: Internazionale

O che bel mestiere fare il banchiere…

« … ond’io mi diedi,
già cieco, a brancolar sovra ciascuno,
e due dì li chiamai, poi che fur morti.
Poscia, più che ‘l dolor poté ‘l digiuno. »
(Divina commedia – Inf. XXXIII, 72-75.)

Più che la crisi poté la fame e l’ignavia  degli uomini di Bankitalia e dei Banchieri

O che bel mestiere fare il banchiere…

Immagine:  giphy.com

Unicredit: cambieranno i managers ma a pagare saranno sempre i lavoratori

Bankitalia vorrebbe una nuova razionalizzazione della rete italiana (soprattutto nel Mezzogiorno), una gestione migliore delle sofferenze, e la cessione degli asset più remunerativi (una quota di Fineco o le controllate in Polonia).

Tempi cupi per i bancari…

Stretta di Bankitalia su stipendi e bonus dei vertici bancari (Ansa)

facciamo con comodo….

E’ quanto rileva Via Nazionale secondo cui “scadenze specifiche per l’adeguamento dei contratti individuali sono previste nel corso del 2015; per alcuni adempimenti vi è tempo sino al 30 giugno 2016, termine ultimo per il pieno adeguamento a tutte le nuove disposizioni”

(L’articolo qui)