Sinistroidi violenti e sgrammaticati….

Non ho visto cortei di pacifiNti, sindacalisti della CGIL, ministri, assessori e politicanti vari… i compagni illiberali (e sgrammaticati) hanno da sempre chi li protegge, coccola e giustifica.  Le strategie della menzogna politica per distogliere l’opinione pubblica dai veri problemi di questo Paese. Poveri noi!

Comunque ricordiamo a costoro la regola grammaticale per cui tutte le pariole che finiscono in -cia e -gia (eccezioni escluse!) rispondono alla stessa regola per cui se il nesso -cia e -gia è preceduto da consonante il plurale sarà sempre in -ce e -ge senza i.

Boh, probabilemente a scuola avranno avuto insegnanti di lettere della CGIL…

Fonte

Camusso…”Bella ciao”, neh!?!?

Quelli che “la CGIL è parte del problema”…

In un post MATTEO CORSINI riprende alcune affermazioni della segretaria generale della Cgil, Susanna Camusso, rilasciate tempo fa a La Stampa.  Leggete e trasalite.
Questi non cambiano, non hanno ancora metabolizzato decenni di errori che hanno contribuito a mettere il Paese sul lastrico. Decenni di “concertazione” (fallimentare) che in realtà aveva il solo scopo di mettere veti a governi che avevano il terrore di fare qualche cosa che non fosse gradito a lor signori (si pensi alla riforma delle pensioni del 1994 o a quella del lavoro del 2002).

Questi non cambiano, vivono fuori dal mondo reale….

È ora di costruire posti di lavoro, non di delegare solo alle imprese. I risultati di tre anni di politiche liberiste basate sulla sola decontribuzione sono davanti a tutti”. Posto che se quello visto in Italia negli ultimi tre anni (e anche prima) è liberismo siamo in pieno uso della neolingua orwelliana, i posti di lavoro non si “costruiscono” per decreto. Sono la conseguenza di iniziative imprenditoriali che hanno successo nel fornire beni e servizi sul mercato.

…continua…

Immagine giftvitaliana

La risposta della CGIL alla crisi? Più Stato.

Cosa induce la CGIL a ritenere che lo Stato abbia la capacità taumaturgiche tali da poter risanare una situazione economica asfittica che esso stesso ha contribuito a generare con tasse, soprattasse, balzelli e burocrazia a go go? Settant’anni di politica statale (leggasi assistenzialismo) pro meridione non hanno creato occupazione o ricchezza, perché ora dovrebbe essere diverso? E con quali soldi visto il debito pubblico monster che abbiamo?? Abbiamo poi visto i danni che la politica della seconda repubblica ha fatto in banca. Basti pensare ad MPS:  i danni  sono stati procurati dal PD senese (e nazionale) attraverso la Fondazione, cosa ci assicura che danni maggiori non siano possibili (e anzi probabili) grazie al PD nazionale non solo al sistema bancario ma all’intero Paese ?

Bello poi leggere che (almeno) i sindacABI hanno un alto concetto del loro ruoli di notai.

La risposta della CGIL alla crisi? Più Stato.

Immagine: L’intraprendente

La Zarina …. e l’Immigrazione.

Un post di quattro anni fa… non è cambiato nulla, anzi il disegno della sinistra di arricchirsi sulle spalle degli italiani continua…

La Cgil vuole aprire  e il ministero chiude. Ma loro ci hanno visto bene tra le nuove tessere e tutti i documenti che fanno  per questa gente, stanno diventando milionari..  le due facce  della stessa medaglia: a Tunisi  la Cgil apre uno sportello  per tutelare  i lavoratori  che intendono  immigrare  in Italia ! ! !  Il Ministero  del Lavoro  ha certificato  che 500mila immigrati cercheranno lavoro in  Italia, quando nemmeno gli italiani  non lo hanno..  Pertanto la domanda ,anche  di determinate  mansioni ,potrebbe essere  soddisfatta  pienamente  dalla “domanda  interna”  .Senza  cioè  la necessità  di nuovi arrivi. Conclusione  del Ministero: ” blocchiamo i flussi “. Che scoperta del cazzo  incredibile  !!

Quando  certe istituzioni  e certe  organizzazioni  prenderanno  coscienza  dei milioni di italiani in cerca di lavoro ?????

Sono proprio comunisti..

( fonte qui:  La Zarina …. e l’Immigrazione.)

 

Che Paese l’Italia, il potere giudiziario si può mischiare a quello di governo, ma il Preside di una scuola non può partecipare ad una marcia per la vita

Povera Italia!! Il tutto nell’indifferenza generale!

Come sempre dietro tutto questo ci sono le zecche rosse e naturalemnte la Cgil!

Caserta, un preside sfila “per la vita”. E il ministro gli manda gli ispettori

Caserta, un preside sfila “per la vita”. E il ministro gli manda gli ispettori

 

Vietato sfilare per la vita. E se lo fai puoi rischiare il linciaggio e gli ispettori a scuola. È successo al preside dell’istituto “Foscolo” di Teano-Sparanise, in provincia di Caserta, Paolo Mesolella, colpevole di aver partecipato sabato scorso alla marcia per la vita promossa da alcune associazioni di area cattolica,  insieme ad alcune decine di studenti. Non poteva farlo ed è stato “bacchettato” dal direttore dell‘Ufficio scolastico regionale della Campania, Luisa Franzese. «Ha sbagliato. La scuola deve essere super partes e non prendere posizione, specie nei giorni in cui si tengono le lezioni». Poche parole per mettere in cattiva luce il dirigente scolastico che ha preso parte all’iniziativa pubblica contro l’aborto, organizzata a Caserta  dal Centro culturale San Paolo, dal Comitato No 194, dal Movimento per la Vita e altre associazioni. Nel polverone è finito anche il preside dell’istituto Galileo Ferraris di Caserta, anche lui impegnato nella marcia per la vita.

Vietato sfilare per la vita

Sotto il pressing della Cgil e della rete degli Studenti di sinistra, il ministero dell’Istruzione lunedì ha inviato ispettori nella scuola casertana per approfondire l’accaduto. Invece di pensare alle aule che mancano, alle cattedre vacanti, agli istituti fastiscenti e al degrado della scuola pubblica, il ministro Stefania Giannini occupa il suo tempo a inviare ispettori per “approfondire” la partecipazione di un preside a un corteo a difesa della vita. «Chi gestisce strutture pubbliche deve aver la capacità di tener conto di tutte le diverse idee che esprime la società, amministrare e fare una sintesi. Un dirigente, come privato cittadino, è libero di partecipare a queste manifestazioni, ma non quando riveste funzioni pubbliche e nei giorni in cui si tengono le lezioni. Non può dunque impegnare la scuola, che è la casa di tutti», ha detto il direttore dell’Ufficio scolastico regionale.

Gli ispettori del ministro Giannini

Sulle note di Venditti Che fantastica storia è la vita, i manifestanti (la marcia si è svolta contemporaneamente a Caserta e a Milano) hanno sfilato in difesa della vita contro l’aborto: canti, striscioni, foto. Tra i partecipanti anche don Maurizio Patriciello, parroco del Parco Verde di Caivano. Immancabili le proteste delle associazioni di omosessuali e dell’Unione degli Atei ed Agnostici di Caserta che sono rimbalzare sul web costringendo altri istituti a prendere le distanze dall’evento. Grande sorpresa da parte del preside del Foscolo che non si aspettava un simile polverone: «L’invio degli ispettori del Miur nella mia scuola mi sembra un po’ strano e curioso; c’erano anche altre scuole rappresentate alla marcia di Caserta, che tra l’altro era per la vita in generale, e non contro l’aborto. Tutto è stato frainteso e strumentalizzato».

La Camusso sull’immigrazione torna alla realtà.

Si è destata dal torpore?

Le contraddizioni della Camusso

(…) Dunque con sofferenza, direi fisica, la leader della Cgil  è costretta ad ammettere quello che a tutte le persone di buon senso è noto da anni e cioè che ci sono larghi strati di immigrati o migranti qual dir si voglia a cui di integrarsi non importa un emerito ciufolo ma anzi, più che integrare sentono la necessità di disintegrare cose e persone, possibilmente occidentali.(…) Read more

Immagine Fonte wifflegif

Cgil: taglio Tasi fa bene soprattutto ai ricchi

Insomma, le solite, vecchie, fallimentari ricette della sinistra. Patrimoniale, più spesa pubblica (ma non per investimenti, ovvio) anziché incentivare chi crea ricchezza, occupazione e crescita. L’abolizione della tassa sulla prima casa varrà – secondo la CGIL –  per 8 milioni di contribuenti, quelli delle due fasce di versamento più basse, circa 55 euro pro-capite, mentre per un milione di contribuenti più ricchi (dove per più ricchi si intende il ceto medio) il risparmio sarà in media di circa 827 euro.  Insomma anche la CGIL, così come l’attuale Governo, vuole dei super ricchi (il 5% del Paese?) ed una massa di poveri…

Renzi: giusto non tassare prima casa
Sindacati, molte tessere e poche idee

(Immagine:  www.lindipendenzanuova.com)

Quanto può fare paura una preghiera?

Ai compagni della CGIL tantissimo!

Altro che difendere gli interessi dei lavoratori! Qui si fa solo demagogia. Slogan folkrositici, odio e rancore. Queste sono offese alla libertà e democrazia.

La Cgil di Bologna invita gli iscritti a cacciare i gruppi di preghiera dall’ospedale

Variabile Fisac sul contratto

I sindacati fanno slittare dal 14 aprile al 16 maggio il confronto in Abi con Francesco Micheli sul contratto dei bancari. Bisogna aspettare la fine della stagione congressuale e degli accordi di palazzo…

Variabile Fisac sul contratto

 

(Immagine:incazzatodentro.blogspot.com)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: