L’Italia per correggere i conti con l’estero sta distruggendo il proprio tessuto industriale.

A dirlo, in una intervista al Populista, è Luciano Barra Caracciolo, magistrato presidente di sezione del Consiglio di Stato, autore del libro “Euro e (o?) democrazia costituzionale – La convivenza impossibile tra Costituzione e Trattati Europei” e ripreso in un articolo de IlGiornale del giugno 2016 che potete leggere qui:

“L’Europa ci porta alla morte”

Il quarto Reich avanza…La Germania ha praticamente rioccupato la Grecia

I prossimi saremo noi!

Covid-19, la follia “criminale” della Commissione Ue

Sta arrivando il tempo di marciare coi forconi su Bruxelles…

“Ma quando una lunga serie di abusi e usurpazioni, volti a perseguire il medesimo obbiettivo, rivela il disegno di riunire tutti gli uomini all’assolutismo, è loro diritto e loro dovere rovesciare un sì fatto governo e provvedere alla sicurezza per l’avvenire.”

Buseca ن!

Covid-19, la follia “criminale” della Commissione Ue: “Divieto ingresso in Europa non vale per richiedenti asilo”!

Questa era così grossa che pensavo fosse una bufala. Ma se la riporta il Corriere della Sera….

Ore 12.50 – Commissione UE: «Divieto ingresso non vale per richiedenti asilo»
La Commissione europea ha raccomandato che le restrizioni temporanee all’ingresso dell’Ue per il Coronavirus «non si applichino alle persone che hanno bisogno di protezione internazionale». Lo ha detto un portavoce della Commissione, Adalbert Jahnz, rispondendo alle domande dei giornalisti che chiedevano se il divieto di ingresso nell’Ue si applichi anche ai richiedenti asilo. «Ogni restrizione deve essere bilanciato con il principio di non respingimento e gl obblighi del diritto internazionale», ha detto il portavoce.

Allucinante, perciò siamo costretti da Leuropa ad accogliere dei potenziali contagiati in barba alla ratio del provvedimento!

Ricordatevelo. Ricordatevelo quando voterete. Ricordatevi di questi nobili. Essi sono come l’ancien-regime della…

View original post 2 altre parole

Sarcastico twitt di Socci sul nuovo governo pro Europa

https://platform.twitter.com/widgets.js

 

da leggere questo pezzo:

Commissario Ue Oettinger dà benvenuto a governo italiano “pro-Europa”

La Francia oggi è un paese alla sbando. Emblema di ciò che sarà l’Europa a breve.

 

https://sceltalibera.tumblr.com/post/186950232542/la-francia-sta-lentamente-precipitando-nel-caos

https://assets.tumblr.com/post.js

(…) La polizia francese appare feroce quando si occupa dei manifestanti pacifici, ma riesce a malapena a impedire a gruppi come “Antifa” di provocare la violenza. Pertanto, “Antifa” ora si presenta alla fine di ogni manifestazione. La polizia francese sembra essere particolarmente cauta quando ha a che fare con i giovani arabi e con i migranti illegali. La polizia ha ricevuto ordini. Gli agenti sanno che i giovani arabi e gli immigrati clandestini potrebbero creare rivolte su vasta scala. Tre mesi fa, a Grenoble, la polizia stava inseguendo alcuni giovani arabi in sella a una moto rubata, che erano accusati di furto. Durante la fuga, hanno avuto un incidente. Ne sono seguiti cinque giorni di disordini.(…)

Immagine: dagospia.com

L’Italia (che non c’è) nell’Europa (che non c’è). Il caso #UniCredit ed #Enel

Interessante post di Paolo Annoni su Il Sussidiario. Dateci una lettura.

La “convergenza” europea in materia bancaria non c’è e di certo le performance economiche dei Paesi membri hanno sperimentato negli ultimi dieci anni una netta divergenza. Oltretutto alcuni stati possono salvare le loro banche e altri no. L’anomalia Unicredit, o anomalie simili, difficilmente possono sopravvivere in un ambiente europeo ostile in cui non c’è la convergenza. Se e quando sarà compiuta la convergenza europea in materia bancaria, figlia a sua volta di quella economica, allora ci saranno banche veramente europee. 

(…)

Sarebbe interessante capire chi ha messo i soldi per le ricapitalizzazioni di Unicredit e quanti soldi sono stati pagati per la crisi da austerity italiana imposta dall’Europa o per il chiacchieratissimo business tedesco.

(…) ci piacerebbe sapere cosa pensa e cosa dice l’attuale Governo italiano di asset che sono palesemente strategici, di pezzi di sistema Italia importantissimi. Ce lo chiediamo perché quando in Italia si dice che è un’operazione di mercato, tendenzialmente è una colossale fregatura. I vuoti che vengono lasciati vengono giustamente riempiti da altri interessi. Che non sono ovviamente i nostri.

UNICREDIT/ L’indizio preoccupante sul “si salvi chi può” intorno all’Italia

Centinaia di combattenti Isis rientrati in Europa. Prepariamoci al peggio!!

Il Wall Street Journal, in un recente editoriale, “The West’s Foreign Fighter Problem”, ha osservato che i governi europei si trovano in una posizione davvero difficile: rimpatriare e processare i loro jihadisti o rischiare che questi ultimi spariscano senza lasciare traccia e compiano nuovi attacchi in Europa.

“È particolarmente preoccupante che il governo federale [tedesco] non abbia adottato ulteriori misure per impedire il rientro incontrollato dei combattenti clandestini dello Stato islamico”, afferma Linda Teuteberg, segretario generale del Partito Liberale Democratico (FDP) tedesco. E ha aggiunto che il governo “non sa ancora come affrontare il problema degli ex combattenti tedeschi dell’Isis”, compreso quello dei “tedeschi detenuti nelle zone di guerra e degli oltre duecento ex simpatizzanti dello Stato islamico che sono tornati in Germania”. (Fonte dell’immagine: Olaf Kosinsky / CC BY-SA 3.0-de via Wikimedia Commons)

I combattenti dello Stato islamico rientrati in Europa e scomparsi

“Europe Will Not Be Europe”.

Le elezioni europee hanno decretato che chi fino ad ora ha governato l’Europa continuerà a farlo. Non cambierà nulla, se non in peggio.

Un articolo da leggere fino in fondo.

“L’Europa non sarà l’Europa”

di Guy Millière  •  22 giugno 2019

  • Nel Regno Unito, la vittoria del Brexit Party, con il 31,6 per cento dei voti, è stata un risultato notevole che ha mostrato l’ostinata intenzione di milioni di cittadini britannici di uscire dall’Unione europea. Le posizioni “populiste” – la difesa della sovranità nazionale e della civiltà europea, il rifiuto dell’immigrazione incontrollata e i diktat dei tecnocrati di Bruxelles – hanno guadagnato terreno.
  • I partiti che governano l’Europa da decenni hanno ottenuto scarsi risultati, ma – salvo rare eccezioni – non sono crollati e continueranno a dominare l’Unione europea.
  • I Verdi possono guadagnare più influenza, con le conseguenze che ne derivano. A chiunque legga i programmi dei Verdi risulta evidente che sono essenzialmente di sinistra con una maschera ambientalista ed ecologista. Sono favorevoli all’immigrazione incontrollata e al multiculturalismo. Sono (…) decisamente ostili a qualsiasi difesa della civiltà occidentale, alla libera impresa e al libero mercato. Sono spesso a favore della crescita zero. La maggior parte di loro appoggia una visione apocalittica del cambiamento climatico e afferma che la sopravvivenza dell’umanità sarà presto a rischio, se l’Europa non prenderà misure drastiche per “salvare il pianeta”. Tutti quanti sono favorevoli a decisioni autoritarie imposte da Bruxelles all’intera Europa.
  • Un Parlamento europeo sotto l’influenza dei Verdi accelererà quasi certamente lo slittamento verso un maggiore potere conferito ai membri non eletti della Commissione europea e verso una graduale eliminazione dell’energia nucleare e dei combustibili fossili. Le politiche favorevoli a un’ulteriore immigrazione sono già in fase di preparazione.

 

“Europe Will Not Be Europe”