Quei mattacchioni dei centri sociali e la complicità delle istituzioni in quel di Torino

Negli anni ’70 diventò cult negli ambienti destra una vignetta pubblicata da Il Tempo, la cui didascalia recitava pressappoco così: «Estremista di destra ferisce gravemente giovane di sinistra. Giovane di sinistra uccide lievemente estremista di destra». Da allora è cambiato veramente poco

Torino, poliziotti-fantoccio travolti dal furgone anarchico. Insorgerà Boldrini?

Torino, poliziotti-fantoccio travolti dal furgone anarchico. Insorgerà Boldrini?

domenica 30 aprile 2017 – 19:42

Chissà se la “presidente” Laura Boldrini invocherà eguale mano pesante ora che i protagonisti del fattaccio non sono più i neofascisti immortalati nel Cimitero Maggiore di Milano mentre alzavano il braccio in un pericolosissimo saluto romano, bensì alcuni simpatici mattacchioni di un centro sociale anarchico che hanno pensato di presentarsi alla Cannabis Parade, tenutasi il 29 scorso a Torino, alla guida di un furgone sul cui davanti erano appiccicati i manichini in divisa da poliziotti nell’atto di esserne travolti. Chissà se ora sarà ugualmente compatto il coro di condanna delle istituzioni, se eguale solerzia nell’identificazione dei responsabili della macabra pagliacciata sarà mostrata dall’autorità prefettizia. Le premesse, tuttavia, non sono incoraggianti. I primi commenti, secondo quanto riportato dal sito de La Stampa di Torino, sembrano alquanti tiepidi: «Immagine di violenza, inappropriata con lo spirito della manifestazione», è al momento il massimo della condanna …continua…

Tutela del Made in Italy. Fratelli d’Italia Porto Recanati c’è!

Secondo dati ufficiali dell’Agenzia delle Dogane e della Guardia di Finanza (2015)  in Italia entra merce che non soggiace al pagamento dei dazi e dell’Iva per un controvalore di 180 miliardi. I mancati introiti fiscali si aggirano sui 40 miliardi l’anno. Stiamo parlando di un fenomeno dalle dimensioni mostruose. Contrastare la contraffazione in ogni sua forma è un dovere di ogni amministrazione.

Bene Fratelli d’Italia Recanati a chiedere il rispetto della legge!

(…) “Apprendiamo con un certo sconcerto dalla stampa che l’amministrazione comunale di Porto Recanati non considera contraffazione e commercio abusivo delle criticità per il nostro territorio cui dedicare forze ed attenzioni. La cosa più grave è che tale considerazione viene fatta al tavolo del Comitato per l’ordine e la sicurezza convocato in Prefettura nei giorni scorsi. Com’è possibile che su stampa e social network l’amministrazione proclami linea dura con multe e cartellonistica per dissuadere gli acquirenti e poi sui tavoli tecnici dove si discutono le strategie e le forze da mettere in campo non si dia seguito a quei proclami minimizzando il problema?” (…)

tutto il post qui

Immagine:haidaspicciare

Carabiniere a Napoli: IO IL CAPPELLO NON ME LO LEVO!

Più rispetto per l’Arma! Più rispetto per coloro che per un misero stipendio rischiano la vita quotidianamente per garantire quella nostra! Il cappello ce lo dovremmo togliere tutti noi di fronte a  questo Carabiniere!

IO IL CAPPELLO NON ME LO LEVO!

(Immagine: www.cookaround.com)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: