Il premier Conte ha riproposto l’idea di una banca pubblica per gli investimenti al sud

Siamo ancora a questo? Dopo 70 anni il meglio che la politica a 5 palle è in grado di partorire per il sud è la “banca del mezzogiorno”? “Anche illustri economisti hanno detto che la banca del mezzogiorno è un progetto che già c’è stato e non ha prodotto i risultati che si proponeva. L’economia riparte con gli investimenti.” E la creazione di lavoro. 

Interessante post con intervista a Lando Maria Sileoni (fabi)

Misure di sicurezza, se mancano il lavoratore può rifiutare la prestazione

La Corte Suprema di Cassazione, con la sentenza 8911 del 2019, ha stabilito che il dipendente può rifiutarsi di svolgere la prestazione se il datore di lavoro omette l’applicazione delle misure di sicurezza, ma è tenuto a provare “la gravità e la rilevanza di questo inadempimento, qualora la violazione non riguardi precauzioni espressamente previste dalla legge e attenga agli obblighi generali fissati dall’articolo 2087 del codice civile” (dal Quotidiano del lavoro del Sole 24 Ore del 5.4.2019).

articolo qui

Inchiesta de “La Verità” sui sindacati dei marittimi.

Un ex rappresentante svela le manovre per imbarcare sulle navi italiane solo extracomunitari. Le sigle, che incassano su ogni uomo imbarcato, manovrano per favorire gli immigrati e alcuni di loro sono stati ‘intercettati’: «Crepino i napoletani».

Sindacalisti intercettati: «Crepino gli italiani così possiamo far lavorare gli immigrati».

European Job Days – 2018

Se sei disoccupato, alla ricerca di una nuova sfida o non riesci a trovare le competenze necessarie per la tua azienda, le giornate europee del lavoro (European Job Days), organizzate dalla rete EURES, possono fare al caso tuo.

In loco oppure on-line, queste fiere del lavoro a livello europeo fanno incontrare chi cerca lavoro con i datori di lavoro di altri Paesi europei. I partecipanti ricevono anche consigli pratici su come vivere e lavorare all’estero.

Centinaia di Job Days si svolgono ogni anno nei 32 paesi partecipanti. I datori di lavoro hanno accesso a migliaia di CV gratuitamente, mentre chi cerca lavoro può candidarsi per offerte di lavoro in tutta Europa e in un’ampia gamma di settori – dalla medicina al turismo. Che tu sia un radiologo esperto o un giovane in cerca di un’avventura in un altro Paese, i Job Days potrebbe avere qualcosa da offrirti.

Non c’è bisogno di essere fisicamente presente ad un evento. Grazie agli strumenti di chat on-line e di diretta streaming si può ‘partecipare’ ad un Job Day stando comodamente a casa propria o in ufficio ed effettuare persino colloqui di lavoro online.

Per tenerti aggiornato sui Job Days, in loco e online, visita la sezione ‘eventi’ del portale EURES

Per accedere alla piattaforma dedicata ai reclutamenti online vai a https://www.europeanjobdays.eu/en

Su questo portale,  disponibile in varie lingue, ma non in italiano, rimangono a disposizione i materiali degli eventi già trascorsi che possono essere utili per capire quali aziende hanno partecipato e quali profili professionali sono ricercati nei vari Paesi.

In calendario i prossimi eventi da seguire anche online

Fonte Regione Lombardia

Work-life balance sempre al primo posto

Studio InfoJobs e Gympass sottolinea come il work-life balance sia considerato la principale leva motivazionale in ambito professionale.

Il benessere personale aumenta la motivazione, consentendo di produrre di più e garantire performance ottimali. Ne è convinta una buona fetta dei lavoratori coinvolti in un’indagine condotta da InfoJobs e Gympass a ottobre 2018, che mostra come per i candidati alla ricerca di un nuovo impiego sia prioritaria la conquista di un equilibrio tra professione e vita privata.

Il 77% degli intervistati afferma che il work-life balance è fondamentale, mentre per il solo 15% è importante poter contare su uno stipendio alto a discapito del privato. …continua qui

La povertà alla base delle nuove retribuzioni

In Italia, grazie alle scellerate politiche attuate dal Governo Monti in poi, la forbice tra ricchi e poveri si è andata progressivamente allargando, con un netto assottigliamento della la classe media.

Non solo

Secondo gli ultimi dati statistici elaborati dall’Eurostat, la banca dati della Ue, l’Italia si troverebbe attualmente al quarto posto in relazione alla povertà, un 12,2% in continuo incremento.

La soglia dei lavoratori in povertà potrebbe rahgiungere un livello critico nel corso del prossimo futuro, andando ad accrescere una categoria di lavoratori stipendiati e allo stesso tempo poveri.

La campagna della sinistra de noartri e di Soros & Co. sta dando i suoi frutti. Presto i nostri lavoratori faranno concorrenza a quelli sottopagati dell’Est e sud America.

Leggi:

Lavorare ed essere allo stesso tempo poveri, l’Italia rischia il primato

La Svizzera vorrebbe chiudere ai lavoratori UE

(…) La colpa di questa situazione risiederebbe proprio nella libera circolazione delle persone con l’UE, attratte in Svizzera dagli alti salari. L’arrivo in massa di manodopera straniera comporterebbe, secondo i sostenitori dell’iniziativa, ad un calo dei salari per gli svizzeri e per gli stranieri che già vivono in Svizzera, facilmente sostituiti da lavoratori a basso costo.

Qui l’articolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: