Strage di Bologna. Toh, spunta nuovamente la pista palestinese. Ed il PD si indigna

I due documenti sarebbero del 1980 e, secondo quanto riferito, conterrebbero un ultimatum da parte del terrorismo palestinese: l’Italia avrebbe dovuto accogliere alcune richieste del Fronte popolare per la liberazione della Palestina, il Fplp, o sarebbe stata rappresaglia, «con operazioni che potrebbero coinvolgere – è il virgolettato riportato dal dispaccio dei servizi – anche innocenti». La data di scadenza dell’ultimatum era il 15 maggio: la strage di Ustica avvenne un mese e mezzo dopo, il 27 giugno; la strage di Bologna due mesi e mezzo dopo, il 2 agosto.

(…)

benché non sia ancora potuta emergere, è ormai di dominio pubblico che la verità c’è, è scritta in carte “riservatissime”

Strage di Bologna, è svolta: trovate 2 note del Sismi: «I palestinesi pronti a colpire innocenti»

Paolo Bolognesi (presidente dell’associazione vittime e membro del PD) si indigna.

Il PD e la strage di 39 anni or sono: per trovare il risultato desiderato modificando un valore di input !

 

Vedi anche

Strage di Bologna: La verità è sempre scomoda, per questo molti scelgono la menzogna.

e

Comunisti italiani e terroristi palestinesi… “una faccia, una razza”

Strage di Bologna: La verità è sempre scomoda, per questo molti scelgono la menzogna.

Il PD e la strage di 38 anni or sono: per trovare il risultato desiderato modificando un valore di input !

Strage di Bologna, ora è scontro all’interno della Procura

Strage di Bologna, ora è scontro all’interno della Procura

 

Con la richiesta di avocazione delle indagini sulla così detta “pista dei mandanti” – elaborata da Paolo Bolognesi, deputato del Pd e presidente dell’Associazione familiari delle vittime del 2 agosto e per la quale ben cinque procuratori della Repubblica di Bologna avevano chiesto l’archiviazione -la Procura generale felsinea apre un inedito e clamoroso scontro tra magistrati sulla già grottesca vicenda giudiziaria della strage alla stazione di 38 anni or sono.

Adesso, la palla è tra i piedi di Francesca Zavaglia, giudice per le indagini preliminari a cui spetta il compito di stabilire i confini, anche temporali, della nuova inchiesta, ma i “rumors” del tribunale petroniano già dicono che saranno concessi nove mesi per la “nuova” inchiesta. Esulta Bolognesi, ovviamente, il quale aveva dovuto trangugiare mesi or sono il “rospo” della richiesta di archiviazione da parte della Procura ordinaria e che, invece, ora, “incassa” l’apparente, duplice vittoria del rinvio a giudizio di Cavallini – nella tranche secondaria dell’iniziativa posta in essere dall’Associazione – e del proseguimento delle indagini sul troncone principale. Peraltro, a Roma, pende anche un terzo segmento dell’iniziativa di Bolognesi, quella relativa ai presunti depistaggi e su cui i giudici della capitale non si sono ancora espressi.

Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: