Ma quale Europa, questo è il IV Reich!

Da leggere per intero l’articolo pubblicato da atlanticoquotidiano:

Ribellione tedesca: la sentenza di Karlsruhe si abbatte su Bce, Trattati e Corte di giustizia Ue

La Germani si è già pappata la Grecia, ma questa è stata solo un aperitivo. Ora il piatto forte degli appetiti tedeschi è l’Italia. E poi via via l’Europa

La Grecia ha versato alla Germania 1,34 miliardi di euro dall’inizio della crisi del 2009

Strozzini ed usurai dell’Europa unita buongiorno!

La Germania ha incassato 1,34 miliardi di euro dall’inizio della crisi greca nel 2009. Lo ha indicato il quotidiano tedesco Suddeutsche Zeitung. Si tratta dei profitti ottenuti grazie agli interessi dei prestiti ad Atene. In sostanza, la banca di sviluppo tedesca Kfw (Kreditanstalt fur Wiederaufbau) ha incassato 393 milioni di euro sui prestiti di 15,2 miliardi alla Grecia nel 2010. Tra il 2010 e il 2012, il programma di riacquisto di titoli ellenici da parte delle banche centrali della zona euro ha fatto registrare alla Bundesbank profitti per 952 milioni di euro.

La Germania incassa 1,34 miliardi di euro di profitti su prestiti ad Atene

La Francia reintroduce in sordina il reato di blasfemia

Quale credibilità può avere la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo dove  1 giudice su 4 ha legami con #Soros?

Quale credibilità può avere la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo dove  1 giudice su 4 ha legami con #Soros?

A study by the European Center for Law and Justice in Strasbourg has revealed several conflicts of interest between judges at the European Court of Human Rights and NGOs funded by George Soros.

….

The study has found that, out of the 100 judges who have served on the bench of the European Court of Human Rights in the period 2009-2019, nearly a quarter (22) have strong links to George Soros’ Open Society Foundation or to NGOs like Amnesty International and others which are funded by it. Human Rights Watch, for instance, has received $100 million from the Open Society Foundation since 2010.

L’implosione rapida della Svezia. A seguire…l’Europa

minaccia antisemita nella Francia odierna e gli stretti legami tra l’odio contro gli ebrei e l’odio per Israele

La fine della presenza ebraica in Europa?

di Guy Millière  •  11 gennaio 2020

  • “Sebbene gli ebrei rappresentino meno dell’uno per cento della popolazione, metà degli atti di razzismo compiuti in Francia vengono perpetrati contro gli ebrei.” – Meyer Habib, parlamentare francese.
  • L’antisemitismo avanza in tutto il continente e spesso assume una colorazione mediorientale. Tuttavia, le autorità parlano solo dell’antisemitismo di destra.
  • L’antisemitismo di sinistra è presente in tutta Europa. I suoi adepti, come in Francia, fanno del loro meglio per nascondere e proteggere l’antisemitismo mediorientale.

Il 3 dicembre, l’Assemblea nazionale francese ha approvato una risoluzione che adotta la definizione di antisemitismo formulata dall’Alleanza internazionale per la memoria dell’Olocausto (IHRA). Il testo rileva che la definizione “comprende le manifestazioni di odio verso lo Stato di Israele giustificate dalla mera percezione di quest’ultimo come collettività ebraica“. Il deputato Meyer Habib, che ha appoggiato la risoluzione, ha pronunciato un discorso appassionato e toccante, nel quale ha sottolineato l’entità della minaccia antisemita nella Francia odierna e gli stretti legami tra l’odio contro gli ebrei e l’odio per Israele:

Continua a leggere l’articolo
https://pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js

Giuseppì

https://platform.twitter.com/widgets.js

Il MES? L’Europa ci sodomizzerà ancora una volta. Col benestare di PD e M5S

Il MES? Solo 10 dei 19 Paesi della moneta unica potranno accedere al sostegno finanziario. E saranno quelli che non ne avranno bisogno.

A rischio saranno anche i nostri risparmi, come cittadini saremo chiamati a finanziare il Mes e nel contempo a ripianare il nostro debito. Che Dio ci assista!

“Perché a Bruxelles quando ti devono fottere non lo mettono nel titolo ma nell’annesso tre: ‘l’unica via è la ristrutturazione del debito’, questo significa annientare il 20 o il 30 per cento del risparmio privato. Cioè se avete Bot o Btp che oggi valgono dieci vi tagliano il 20-30%. L’altra condizione è ‘la confisca notte-tempo dei conti correnti bancari italiani per un ammontare equivalente al contributo. E’ questa la taciuta ignominiosa verità’, dice Mf”. “Se Conte vuole querelare Salvini o Gualtieri vuole confrontarsi fatelo anche con questi giornalisti indipendenti”, incalza Salvini che si rivolge in modo particolare a Conte “questo signore indegnamente premier pro tempore risponda: è una bufala? un azzardo, oppure è previsto nell’annesso 3 l’ipotesi raccontata da Milano Finanza del 23 novembre pagina 11? E’ vera o è falsa? Forse abbiamo capito tutte le manifestazioni contro Salvini da chi sono ispirate. Qui sono in ballo 110 miliardi di euro che se passa questo trattato possono essere estorti con le buone o con le cattive”, conclude.