UniCredit: La partecipazione in Sia si attesterebbe sui 70-80 milioni

Estratto dall’articolo:

(…) in questi giorni il veicolo FSia Investimenti (controllato da Cdp Equity e partecipato da Poste), dando esecuzione a quanto previsto agli accordi di co-investimento iniziali, ha esercitato l’opzione call sulle quote in mano a Intesa Sanpaolo (3,97%) e Unicredit (3,97%), mettendo sul piatto una cifra complessiva vicina agli 80 milioni. (…)

Una mossa legata anche a tematiche di eventuali rischi di danno erariale che potevano essere sollevati ai danni dei consiglieri del braccio armato del Mef. Un passaggio obbligato, quindi, che avrebbe fatto storcere il naso alle banche, in particolare a quella guidata dall’ad, Jean Pierre Mustier, visto che il valore attuale delle partecipazioni, grazie alla crescita poderosa di Sia, è decisamente superiore e si attesterebbe in 70-80 milioni per singola quota (3,97%). (…)

Tutte le tensioni fra Cdp e Unicredit su Sia

Ubis: Altri 225 colleghi in procinto di lasciare il Gruppo

Si è svolto a Milano il primo incontro di Gruppo della procedura per la cessione della P.L. di UBis “Cards”. L’operazione, come noto, si attua in due fasi: la prima prevede lacostituzione di una newco all’interno del gruppo; la seconda vede la vendita della newco a SIA.

Unicredit mette sul mercato i servizi di pagamento tedeschi di Concardis

Unicredit ha già ceduto la scorsa estate a Sia per 500 milioni le attività di elaborazione dei pagamenti tramite carte di pagamento proprie in Italia, Germania e Austria (si veda altro articolo di BeBeez). Ora Unicredit mette in vendita la sua quota in Concardis, società tedesca che fornisce servizi di pagamento, che potrebbe raccogliere l’interesse sia di alcuni concorrenti sia di private equity. Lo scrive Reuters, precidando che la decisione di Unicredit è linea con quella di alcune delle altre banche azioniste di Concardis.

Unicredit mette sul mercato i servizi di pagamento tedeschi di Concardis

Ubis cede a SIA le attività di elaborazione dei pagamenti tramite carte di pagamento

Un’immagine vale più di mille parole…

 

Ubis cede a SIA le attività di elaborazione dei pagamenti tramite carte di pagamento

Unicredit vende i pagamenti elettronici per 500 milioni. L’utile batte le attese (…) Unicredit ha deciso di vendere al gruppo Sia le attività di elaborazione… Read more

Ubis cede a SIA le attività di elaborazione dei pagamenti tramite carte di pagamento

Unicredit vende i pagamenti elettronici per 500 milioni. L’utile batte le attese

(…) Unicredit ha deciso di vendere al gruppo Sia le attività di elaborazione dei pagamenti tramite carte di pagamento di Ubis in Italia, Germania e Austria: la cessione verrà completata entro la fine dell’anno e prevede un incasso cash di mezzo miliardo per il gruppo (la valutazione esprime un multiplo pari a circa 12 volte l’Ebitda) e una plusvalenza di 440 milioni, pari a 12 punti di Cet1. (…) «la cessione delle attività di elaborazione dei pagamenti tramite carte di pagamento -spiega la società- rientra nell’impegno di UniCredit a cogliere le opportunità di creazione di valore, in linea con un rinnovato focus su una gestione di capitale fortemente disciplinata e le iniziative di ottimizzazione del capitale».

Tutto l’articolo sul Sole 24 Ore