Unicredit Piano Welfare: attento al credito residuo. Hai tempo fino al 27 novembre per inserire nuove richieste

welfare-618x352C’è tempo fino al 27 Novembre per presentare nuove richieste e utilizzare così il credito residuo del Piano Welfare per ottenere rimborsi a sostegno della famiglia e della salute.

Si può chiedere il rimborso di asili nido, scuole, università, master, corsi di formazione professionale, corsi di lingua, libri scolastici, centri estivi, costi sostenuti per il servizio di dopo scuola (purché collegato all’attività scolastica) e strumenti didattici di supporto per bambini con DSA (Disturbi Specifici di Apprendimento); e anche il rimborso delle spese per l’assistenza sanitaria (upgrade alla polizza superiore, estensione ai familiari non a carico, estensione della copertura collettiva dentaria al nucleo familiare), oppure il conferimento di contribuzione aggiuntiva al Fondo Pensione.

Dopo il 27 novembre non sarà possibile presentare nuove richieste né integrare o rettificare le pratiche già presentate e l’eventuale residuo a Conto Welfare sarà automaticamente accreditato sulla posizione previdenziale a capitalizzazione individuale (se aperta e in grado di ricevere questa tipologia di versamenti). L’importo residuo non può essere liquidato in bollettino stipendio né accreditato sul Conto Welfare 2018.

In caso di cessazione che dovesse avvenire prima del 27 novembre, si ha tempo fino all’ultimo giorno in servizio per chiedere il rimborso tramite Piano Welfare delle spese sostenute nel corso del 2017.

Informazioni riguardanti la previdenza complementare sono disponibili all’interno delle apposite sezioni presenti nella Group Intranet ed all’interno del Piano Welfare, oppure è sempre possibile aprire un HR Web Ticket nella categoria Benefit.

Welfare di serie B per Cologno ?

Adesso basta Chiediamo a gran voce il rispetto degli accordi presi e quindi l’assunzione integrale dell’aumento a carico dell’Azienda o in alternativa che ci venga concessa una mensa interna parificando ed uguagliando il trattamento riservato ai dipendenti degli altri plessi.Clicca per leggere il comunicato

UniCredit preannuncia la ristrutturazione del welfare aziendale

Lo scopo è chiaro: occorre perseguire obiettivi di ottimizzazione fiscale e contributiva per garantire un beneficio al conto economico aziendale. In questi anni di crisi è fondamentale mantenere sotto controllo la dinamica dei costi.

UniCredit preannuncia la ristrutturazione del welfare aziendale

Nuovo welfare tra risparmi e novità. A Marzo i lavoratori si esprimeranno sui livelli di servizio.

Continua la politica di contenimento dei costi in Unicredit. Dopo l’intesa raggiunta con i sindacati per la gestione degli esuberi, UniCredit si appresta a mettere mano al welfare di Gruppo. Lo farà anzitutto chiedendo alle lavoratrici ed ai lavoratori di prendere parte ad una survey utile per valutare il livello di conoscenza e di utilizzo degli attuali servizi. Sul piatto ci sono somme importanti, si parla di una cifra equivalente a circa il 7% del costo del personale. …continua…

Scadenze Piano Welfare Unicredit

Scadenze Piano Welfare

Il 27 novembre chiuderà il Piano Welfare 2015. Dopo tale data non sarà più possibile inserire né integrare le richieste

di rimborso per spese sostenute nel 2015.

In caso di richieste da parte dei colleghi, vi ricordiamo che:

  1. Eventuali importi residui nel Conto Welfare verranno automaticamente accreditati sulla posizione previdenziale.
  2. La deducibilità fiscale su base annua è prevista fino a € 5.164,57; oltre tale soglia la contribuzione è soggetta a tassazione.
  1. Cessazioni: i colleghi che cesseranno dal servizio prima del 27 novembre 2015 potranno inserire richieste di rimborso solo fino all’ultimo giorno lavorativo.
  1. Espatri: i colleghi che verranno espatriati nei prossimi mesi possono richiedere i rimborsi prima di attivare il contratto di espatrio.

Vi ricordiamo che, nei prossimi giorni, i colleghi con saldo attivo in Conto Welfare riceveranno una mail con cui verrà loro ricordato l’approssimarsi di questa scadenza.

 

Unicredit: Accordi dell’8 ottobre. Ecco il comunicato sindacale della delegazione trattante

Raggiunta un’intesa su:

  • Premio Aziendale 2014
  • Percorso programmatico di confronto in UniCredito
  • Lettera sulle modalità e tempi di erogazione del premio ex 25mo.

COMUNICATO UNITARIO_INTESE_8OTT2015

Comunicato sindacale UniCredit Group: Incontro sul Welfare aziendale

Tratto dal comunicato sindacale in oggetto:

(…) Abbiamo sottolineato che possiamo anche accettare che la partita del Welfare aziendale sia uno dei tasselli di una più ampia trattativa che andremo ad affrontare su tutte le tematiche che andranno affrontate a breve, a partire dal Premio Aziendale 2014 e dall’erogazione del 25esimo, che rappresentano in questo momento, le questioni prioritarie in termini di risposta alle esigenze dei lavoratori e di riconoscimento del grande lavoro da tutti svolto. (…)
Quin di dobbiamo aspettarci che i premi verranno erogati sul conto welfare? Speriamo i Sindacati evidenzino, a fianco dei positivi elementi dell’utilizzo del conto welfare, anche quelli negativi (vedasi Dopo la fabi, anche First-Cisl è favorevole ai premi aziendali a welfare.)

Dopo la fabi, anche First-Cisl è favorevole ai premi aziendali a welfare.

Sull’opportunità di mettere i soldini dei lavoratori a welfare anzichè in busta paga, la fabi si era già espressa a favore (qui il post Piace veramente ai lavoratori del Credito il benefit in welfare?).

Ora è la volta della First (qui il comunicato sindacale)

Ma è veramente così vantaggioso per i lavoratori? Anzitutto le informazioni (non) fornite:

  sminuiscono anzi, e arrivano addirittura a non menzionare la mancata contribuzione previdenziale per il lavoratore;

  non tengono conto della perdita subita per la mancata detraibilità delle somme “rimborsate” dal datore di lavoro, ma pagate dal lavoratore;

  nei conteggi forniti ai dipendenti per un confronto tra le due opzioni non vengono menzionate le somme che il datore di lavoro verserebbe alle casse di previdenza complementare.

Qui per avre una visione più approfondita di quanto il welfare costa al lavoratore.

Quindi ci dovremo aspettare che i Sindacati chiedano che i premi d’ora in poi passino solo dal conto welfare (e magari con un anno di ritardo come in Unicredit)? Preoccupante…

Un sentito grazie a Mr. Matteo Renzi per l’ennesima sforbiciata alla busta paga dei lavoratori ed ai Sindacati per il regalo alle Aziende.

 

Piano welfare UniCredit: si possono inserire le richieste di rimborso 2015

Piano welfare 2015: si riparte

Fino al 27 novembre 2015  è possibile inserire le richieste di rimborso per le spese sostenute nel 2015 utilizzando l’importo disponibile sul tuo Conto Welfare, il cui saldo include già gli accrediti relativi alle scelte effettuate lo scorso anno per il Premio Speciale Una Tantum 2013 e la Strenna Natalizia 2014 (se spettanti).

Sono inoltre già aperte le possibilità di adesione al Piano, relativamente a:

– Contributo figli 4-12 anni (finestra di scelta aperta fino al 31 maggio);

– Strenna Natalizia (finestra di scelta aperta fino al 31 ottobre, con accredito a gennaio 2016);

– Contributo familiari disabili (finestra di scelta aperta contestualmente all’invio della richiesta – e comunque fino al 31 ottobre).

Scegliere non è mai stato così semplice: vai in MY HR > Welfare e Benefit > Fai le tue scelte.

Alcune importanti novità

A partire da quest’anno vengono ampliate le possibilità di rimborso relative alle spese per i figli.

In particolare è ora possibile chiedere il rimborso per le tipologie di spesa previste dal Piano Welfare anche per bambini in affido e affiliati, purché correttamente inseriti nella propria anagrafica.

Sono inoltre rimborsabili i costi sostenuti per il servizio di dopo scuola, purché collegato all’attività scolastica, e per strumenti didattici di supporto per bambini con DSA (Disturbi Specifici di Apprendimento). Per queste tipologie di spese ti invitiamo a verificare con attenzione la documentazione a supporto richiesta: trovi tutti i dettagli nelle specifiche Sezioni del Piano.

Al fine di fornirti un pronto riferimento per tutti i rimborsi relativi al 2015, ti invitiamo a visionare l’elenco dei requisiti richiesti per ciascuna voce di spesa, indicati all’interno delle specifiche sezioni del Piano e nelle FAQ: vai in MY HR > Welfare e Benefit > Il Tuo Piano Welfare.

Ti ricordiamo inoltre che in caso di accoglimento di richiesta di rimborso per spese relative a figli/coniugi o per richieste di versamento a Previdenza Complementare riceverai il rimborso nel bollettino stipendio del mese successivo a quello dell’inserimento della richiesta stessa. In caso invece di richieste di rimborsi per Copertura Sanitaria, gli stessi verranno riconosciuti con il cedolino di dicembre 2015.

L’eventuale residuo a Conto Welfare dopo il 27 novembre 2015 verrà automaticamente accreditato sulla tua posizione previdenziale a capitalizzazione individuale, se aperta a quel momento. L'importo non potrà in ogni caso essere liquidato in bollettino stipendio.

(Fonte Unicredit)

Unicredit: Proroga chiusura conto Welfare 2014.

 

Proroga chiusura conto Welfare 2014.

E’ stata ripristinata la piena funzionalità della sezione “Il tuo Piano Welfare”.
Considerati i possibili disservizi verificatisi nei giorni scorsi, le richieste di rimborso potranno eccezionalmente essere inserite fino alle ore 20.00 di giovedì 4 dicembre.
I rimborsi relativi alle richieste inserite dall’1 al 4 dicembre saranno liquidati nel bollettino stipendio di suppletoria.
Ricordiamo che l’eventuale saldo residuo alla nuova data di chiusura del Piano (4 dicembre) verrà automaticamente accreditato sulla posizione previdenziale a capitalizzazione individuale, se aperta a quella data.