Il comunicato sindacale “politically correct” delle O.S. di Unicredit Services in merito all’assemblea dei colleghi del Procurement.

Unicredit Services: il comunicato (edulcorato) sull’esito dell’assemblea procurement

Di questi tempi tutto ha un prezzo, anche la dignità del lavoro. E guardandomi introno direi che vale anche poco…..

Continue reading

Unicredit. A Messina cresce il malcontento dei lavoratori, sindacati sul piede di guerra

Venti di guerra a Messina in Unicredit e monta la protesta delle rappresentanza sindacali aziendali Fabi – First Cisl – Fisac Cgil – Uilca – UniSin, come si legge in una nota trasmessa a tutti gli organi di stampa.

qui il post

La crisi delle violenze sessuali commesse dai migranti: “Un fallimento dello Stato”

di Soeren Kern  •  18 giugno 2018

  • “Susanna è morta. Maria di Friburgo; Mia di Kandel; Mireille di Flensburg; e ora Susanna di Magonza…”. – Alice Weidel, co-leader dell’AfD.
  • “La morte di Susanna non è una fatalità cieca. La morte di Susanna è il risultato di molti anni di irresponsabilità organizzata e il fallimento scandaloso delle nostre politiche in materia di immigrazione e asilo. Susanna è vittima di una ideologia multiculturale di sinistra che è fuori controllo e non si ferma davanti a nulla per imporre il suo senso di superiorità morale.” – Alice Weidel.
  • “Il giorno dell’omicidio di Susanna, lei [la Merkel] aveva detto in parlamento di aver gestito la crisi dei migranti in modo responsabile. Ha il coraggio di ripeterlo ai genitori di Susanna?” – Alice Weidel.

continua qui

Il futuro di DoBank?

doBank nel 2019 prevede la formazione di una società di servicing

Giulio Romani Segretario generale di First Cisl sulla gestione dei crediti deteriorati in Italia.

(…)

“Il fatto che un player specializzato come doBank – sostiene Romani – sposti la propria attività di gestione degli Npl al di fuori dell’ambito bancario è l’ennesimo e probabilmente definitivo campanello d’allarme su come le storture delle norme italiane in materia abbiano portato la competizione a un livello tale da rischiare di distruggere occupazione, di mettere a repentaglio il destino di una larga fetta dell’economia e di far cadere un silenzio tombale sulle responsabilità di chi decise le erogazioni che hanno affossato i bilanci delle banche”.

…. ….continua qui

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: